21 maggio 2017

.

Non so se sia rabbia sgomento sollievo perdono amore irrisolto disillusione speranza ricordo/ o un senso che non conoscevo..
Ma adesso che conosco il tuo posto comodo e son persino felice per te...comunque, sento il sapore amaro di chi ha aperto la stanza di Barbablu e non poteva più restare...
Il mio posto sarà scomodo, in piedi se e' il caso. Ma sincero, come sempre ho chiesto.
Non fallirò più il colpo. E cosi' ogni scatto sia come l'ultima freccia nella faretra.
Proprio alla tua ombra lo prometto.
Sarò quel che sono,
Con la forza di una leonessa.


29 aprile 2017

L'ottavo colore del sentire

A volte ci son cose che bisogna spiegare con dei paragoni.

Tutti sanno che esistono 7 colori.

Tutti lo sanno, li vedono, li indicano.
La loro percezione del colore e' dettata dal loro sguardo, dalla fisiologia dell'occhio, e dallo spettro/frequenza di luce riflessa. I colori, come le note sono 7. Categorico, chiaro, scientifico.

Ebbene, mettiamo che qualcuno possa vedere l'ottavo colore.
Che ne distingua un ottavo...chiaramente...magari un colore platino traslucido come un mantello invisibile.

Potra' mai piu' credere a quelli che ne vedono/dichiarano sette?

Potra' mai fondare la loro fiducia su quel che loro vedono e dicono di vedere, e negare la sua esperienza piu' ampia?

Ebbene a volte e' cosi' col sentire.

C'e' un ottavo colore anche per quello, che puoi sapere e non puoi mostrare.
Che puoi vedere, ma non puoi raccontare.

L'ottavo colore del sentire, se lo vedi non ti lascia dubbi.

E' il colore che ci dice
cosa sente chi ami,
cosa sente chi ti pensa,
senza limiti di spazio/tempo.

In cio' che e' invisibile, tutto e' evidente.
All'Anima niente puo' restar nascosto, perche' tutto sa accettare.


P.S. : un link :-)

26 aprile 2017

Non tutte le lacrime sono un male...